13 ottobre 2016

Recensione "Ti darò il sole" di Jandy Nelson

Buongiorno bellissimi!
Anche oggi a Torino è una giornata piovosa, una di quelle che ti mette tristezza, malinconia o semplicemente voglia di restare sotto le coperte con un buon libro e allora quale momento migliore per scaldarci con una recensione di un romanzo bello da morire?!
Il libro di cui ho deciso di parlarvi oggi, è stato una delle "letture sblocco" di quest'estate. Questo, in particolare, l'ho letto durante un weekend a luglio in cui sono stata in Liguria per un po' di mare e relax dai nonni. Durante quei giorni la voglia di leggere era praticamente alle stelle ed è così che ho divorato Ti darò il sole di Jandy Nelson, un piccolo gioiello che ho custodito gelosamente nel cuore.

Titolo: Ti darò il sole
Autore: Jandy Nelson
Data di pubblicazione: 26 maggio 2016
Editore: Rizzoli
Prezzo: 17,50 €
Pagine: 485
Acquista qui
Trama: Noah e Jude, gemelli, a tredici anni sono legatissimi. A raccontarcelo è il taciturno Noah, che passa il tempo a disegnare e a sfuggire ai bulli di quartiere, mentre la sorella, moto perpetuo, si tuffa dalle scogliere e ha il sole sulle labbra. Quattro anni dopo, però, Noah e Jude non si parlano nemmeno. Il testimone del racconto passa a Jude, colpevole della deriva in cui è scivolato il fratello, ma anche dell'eclissi in cui è sprofondata lei. Ciò che Noah e Jude ancora non sanno è che ognuno di loro possiede soltanto metà della storia, e che l'unico modo per rifondare il mondo sarà ricucire la frattura che ora li divide.
 
«Ho dato quasi il mondo intero per te. Il sole, le stelle, gli oceani, gli alberi...Tutto. Ho ceduto tutto pur di avere te.»


Jandy Nelson mi entrò nel cuore all'inizi del mio essere blogger quando, ancora ignara di tutte quelle etichette che oggi mi sono familiari, mi imbattei quasi per caso nel suo romanzo d'esordio, The sky is everywhere, scovato nel blog di quella che ad oggi è la blogger che più stimo. Ami quella lettura moltissimo, riscoprendo la passione per questo genere. Da allora, ogni consiglio che ho trovato in quel angolino si è rivelato sempre azzeccato, ma questa è un'altra storia.
Potete capire quanto fossi felice di scoprire che anche il secondo romanzo della Nelson, Ti darò il sole, sarebbe arrivato in Italia con la Rizzoli. Ero curiosa di scoprire cosa avesse partorito questa volta, perché già con la sua prima opera mi aveva colpito moltissimo con il suo stile particolare che si alta ancor di più in questa pubblicazione, forse dovuto anche alla crescita maturata.
Ci sono alcuni libri magici che sanno creare un legame vero con te, libri che ti entrano nel cuore e con la loro perfezione sanno farti vivere pezzetti di vita che non avresti vissuto altrimenti. Ti darò il sole ne è l'esempio, unico nel suo genere, l'ho trovato perfetto, geniale, strambo e toccante allo stesso tempo, mai banale e credo sia quasi impossibile non innamorarsi di questa storia e dei suoi personaggi che risultano dannatamente reali tanto che arriverai ad amarli per poi magari odiarli nella scena dopo, un po' come succede nella vita vera in cui tutto non è rose e fiori. Ancora adesso, a distanza di mesi, se penso a questo libro mi viene da dire semplicemente wow, come si fa a parlare in modo razionale, senza andar di pancia e cuore, di un libro che si è amato a tal punto? Credo che il vero modo di rendergli giustizia sia semplicemente che altri lo leggano, provare per credere. Non so se il momento in cui ho letto questo libro mi abbia influenzata, oppure se mi abbia travolta anche per il fatto che necessitavo di una lettura così coinvolgente, non so darvi una risposta ma ciò che è certo è che ho amato ogni singola frase di questo romanzo e credo sia importante che quante più persone possibili entrino in contatto con la penna di Jandy Nelson.
I due protagonisti di questa storia sono Noah e Jude, due gemelli uniti da un rapporto unico che forse va ben oltre il legame di sangue, ma anche nelle migliori famiglie succede a volte che qualcosa si spezzi e incrini persino i rapporti più saldi. Noah e Jude non fanno eccezione e risultano umani e veri ancor di più per questo. Così diversi ma allo stesso tempo spesso risultano essere quasi una persona sola. Noah è un artista introspettivo ed introverso dall'animo grande che fatica ad avere un rapporto normale con il padre, mentre Jude invece ci va d'amore e d'accordo ed è da sempre vista come la figlia perfetta. È estroversa, ama rifugiarsi tra le onde del mare facendo surf e circondarsi di amiche popolari mentre il fratello si nasconde dai bulli che lo perseguitano cercando di difendere il suo segreto. 
Il tutto si muove tra un prima e un dopo. La narrazione si apre con la versione della storia del Noah tredicenne che affronta la scoperta dell'essere omosessuale attraverso quadri di istantanee di momenti con l'aiuto dell'amico Brian. Tutto cambia però nel dopo, in cui ascoltiamo la voce di Jude profondamente cambiata, ormai solo più un'ombra di ciò che avevamo imparato con Noah. Anche lui, però, è cambiato ed ora ama divertirsi alle feste quasi come fosse diventato un re. Nemmeno i gemelli si riconoscono più ormai. Sono passati appena tre anni ma tutto è così diverso e loro quasi non si guardano nemmeno più in faccia. Qualcosa è successo, qualcosa ha incrinato il loro rapporto magico.
Jude che improvvisamente sente il bisogno di diventare invisibile e che preferisce la compagnia di fantasmi piuttosto che stare in mezzo alla gente, si è ripromessa di non farsi più trascinare dall'amore ma l'improvvisa apparizione di Oscar, bad boy bello e tenebroso dal cuore tenero che saprà scaldare il vostro cuore, la metterà a dura prova.
Non vi dirò cosa sia successo, cosa abbia permesso di rovinare un così bel rapporto come quello di Noah e Jude. Ciò che vi posso garantire è che le emozioni, gli intrighi e i segreti non mancheranno in questo intreccio e ci dimostreranno ancora una volta com'è strana la vita. Vi lascerà senza fiato.
Noah l'ho amato sempre e comunque, in ogni singola pagina. Ho tifato per lui (e per Brian) e ho pianto per lui mentre con Jude non è stato proprio così. Ho fatto fatica ad entrare in sintonia con lei, ho fatto fatica a sopportare il suo personaggio ma mi sbagliavo ed è stato ancor più bello capirlo ed apprezzarla poi. Le loro scelte vi potranno risultare a volte discutibili ma capirete invece come questi due personaggi siano veri e reali. Questi sono, almeno, alcuni dei motivi che mi hanno portato a considerare Ti darò il sole un libro perfetto.

Il mio consiglio musicaleMarco Mengoni - Solo due satelliti



Libro, adottami!

Un bacio,
Giò

10 commenti:

  1. Risposte
    1. Beh, sono contenta se ti ho messo voglia di leggerlo anche perché è davvero un gran bel libro!

      Elimina
  2. Bellissima recensione, Gio!
    Ho tutte le intenzioni di leggerlo in lingua originale, sono sempre lì che osservo come un falco la wishlist di Amazon perché ogni tanto il prezzo si impenna a dismisura e devo beccare il momento giusto. u_u

    RispondiElimina
  3. Ho appena comprato questo libro e non vedo l'ora di iniziarlo complici le cose meravigliose che ho sentito su di esso!
    Bellissima recensione *-*

    RispondiElimina
  4. Bellissima recensione *_* Questo è davvero un libro perfetto ❤️

    RispondiElimina
  5. L'ho comprato questa estate e mi devo decidere a leggerlo! Complimenti per la recensione! A presto Maria

    RispondiElimina

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥