20 ottobre 2016

Recensione "Fangirl" di Rainbow Rowell


Finalmente è giunto il momento in cui posso parlarvi in una recensione a cuore aperto di un libro che ho tanto desiderato prima e amato poi, un libro che mi ha tenuta incollata dalla prima all'ultima pagina, facendomi sognare ad occhi aperti e facendomi fare le ore piccole come non mi capitava da tempo ormai. Avrei voluto poterla condividere con voi già qualche giorno fa ma non sono stata brava a gestire i tempi e i momenti a disposizione per scrivere. Perdonatemi.
Come avrete ormai capito oggi voglio parlarvi di Fangirl di Rainbow Rowell, fresca pubblicazione in casa Piemme e vi dirò di più, gira voce che in primavera dovrebbe arrivare anche Carry On.

Titolo: Fangirl
Autore: Rainbow Rowell
Data di pubblicazione: 18 ottobre 2016
Editore: Piemme
Pagine: 516
Acquista qui
Trama: Approdata all’università, dove la sua gemella Wren vuole solo divertirsi tra party, alcool e ragazzi, la timidissima Cath si trova sola per la prima volta e si rinchiude nella sua stanza a scrivere la fanfiction di cui migliaia di fan attendono il seguito. Ma una compagna di stanza scontrosa con un ragazzo carino che le sta sempre intorno, una professoressa di scrittura creativa che pensa che le fanfiction siano solo un plagio e un compagno bellissimo che vuole lavorare con lei, obbligheranno Cath ad affrontare la sua nuova vita.

 
«Ora come ora vorrei solo sistemare le cose, farti capire che mi dispiace un casino e convincerti a darmi un'altra possibilità. Perciò ti chiedo...tifi per me? Vuoi che la spunti o no?»

Ho sempre saputo in cuor mio che avrei amato nel profondo Fangirl ancor prima che venisse pubblicato in Italia. Ho pregato che ciò accadesse e quando ormai avevo quasi perso le speranze ho saputo che avrei potuto leggere il libro che più aspettavo. Sapevo di avere di fronte una piccola perla rara, Fangirl aveva tutti gli indizi del libro d'amare a tutti i costi: primo, il titolo; secondo, la trama; terzo, Rainbow Rowell e io amavo già questa donna che con un nome così non può non ispirare fiducia; quarto, tutte le recensioni adoranti delle blogger che seguo di cui mi fido ciecamente; quinto, una cover pucciosissima (originale prima, italiana poi); sesto, Simon Snow ovvero la bella copia di Harry Potter. Tutto questo si può tradurre solamente in un modo: aspettative a mille.
Non sapevo fino in fondo cosa avrei avuto tra le mani e un po' avevo anche paura forse, perché nella mia testa lo amavo già ma volevo questo amore fosse reale. All'inizio ho pensato che la narrazione sarebbe stata più movimentata, ma appena ho permesso ad essa d'ingranare e diventare parte di me ogni singolo dubbio è scomparso e mi sono sentita una vera e propria fangirl. Potrei dire addirittura che io ero proprio Cath. Mi succede spesso di trovare somiglianze comportamentali, disagi comuni e altro con le protagoniste dei libri che leggo, ma forse per la prima volta mi sono sentita completamente Cath ad eccezione di Levi, quello purtroppo manca. Sono sempre stata una ragazza che restava in disparte, anche se spesso non per mio volere, ho sempre faticato a causa della timidezza, mi sono sempre rifugiata nei libri e come Cath amavo le fanfiction e ne scrivevo di mie. Avevo queste immagine vivide nella testa che mi accompagnavano in ogni momento della mia giornata, sul pullman ad esempio mi capitava sempre di perdere la cognizione del luogo per ritrovarmi a pensare alla mia di storia e pensare a ciò che dovevo scrivere. Come Cath ho una sorella che è tutto per me, la mia isola sicura. Per tutti questi motivi e tanti altri non potevo non entrare in completa sintonia con lei. Ancora adesso, a distanza di settimane, se ripenso a questo libro mi viene la pelle d'oca, lo stomaco si attorciglia e mi si stampa un sorriso ebete in faccia.
Vi siete mai chiesti come potrebbe cambiare la vostra vita senza la persona che più conta per voi al vostro fianco? Cosa accadrebbe se proprio quella persona decidesse di allontanarsi da noi? Per Cath quella persona ha la faccia di Wren, sua sorella gemella. Cath è una ragazza di diciotto anni, nerd e fangirl nel significato più completo che ci possa essere. La vedrete sempre in giro con dei maglioncini colorati, gli occhiali come scudo e i capelli legati in una coda spettinata. Entrambe le sorelle sono alle prese con un nuovo inizio al collage. Wren, che è esattamente l'opposto di Cath, ama divertirsi, uscire, andare alle feste, conoscere nuove persone, bere e ballare e ora ha deciso di iniziare una nuova vita con nuove esperienze e smettere di avere l'etichetta di gemella attaccata addosso. Tutto ciò si traduce con la decisione di non voler Cath in camera con sè al campus, preferendole Courtney. Io come Cath avrei semplicemente ucciso mia sorella per questo, ho percepito la sua sofferenza come un mio disagio. Cath è sempre stata, tra le due, la sorella timida, chiusa, introversa e asociale. Non ama le cose nuove e affrontare il college senza Wren ora la spaventa tanto da preferire vivere di barrette e merendine nascoste sotto al letto (e cercando di farsele bastare) piuttosto che affrontare la giungla della mensa, in fin dei conti Wren è sempre stata la sua spalla. Fatica a trovarsi a proprio agio nel mondo reale e da sempre preferisce quello fittizio della saga di Simon Snow ideata da Gemma T. Leslie. Passa il suo tempo a scrivere Carry On, la fanfiction dedicata a Simon, e negli ultimi due anni è riuscita ad ottenere un discreto numero di lettori che la seguono costantemente, lettori che non è disposta ad abbandonare neppure adesso che è approdata all'università ed ha ereditato Reagan come compagna di stanza e Levi di conseguenza.
La storia è semplice, ha una narrazione lineare senza voli pindarici da creare sconvolgimenti ma questo non vuol dire certo che sia banale, perché Fangirl è molto più. È un libro dalle mille sfumature: tenero, divertente, a volte triste o semplicemente, come piace definirlo a me, vero. Cath all'interno della storia ha un percorso reale ed è esattamente quello che il lettore si aspetta che abbia. La vediamo stringere amicizia con la sua schietta compagna di stanza Reagan e finire per prendersi una cotta per il biondo dal sorriso facile, alias Levi, o come lo chiamo io il puccioso. Sì, perché Levi è semplicemente perfetto, il ragazzo ideale che tutte vorrebbero o che semplicemente, come Cath, io vorrei. L'accompagniamo ai corsi, la vediamo arrancare ma rialzarsi e semplicemente crescere e maturare, alla scoperta della vera e completa sé. A mio avviso il vero bonus in più di questo romanzo sono proprio Levi e Reagan, due personaggi che ho amato molto, caratterizzati alla perfezione con un loro perché che li rende speciali. Molto importante per me è stato affrontare il rapporto tra Cath e Wren, che ho capito poco a poco e sono arrivata alla conclusione che per quanto non tutto mi sia piaciuto tra loro è stato reso dannatamente in un modo reale. Cath e Levi, poi, sono l'amore e valgono tutta la lettura.
Amerete essere sul divano con loro con una tazza fumante di caffè speziato tra le mani mentre sentirete Cath leggere a voce alta. Sono speciali insieme ma anche come singoli e io li ho adorati dalla prima all'ultima parola.  Tutta la narrazione si divide dal reale e i frammenti di fanfiction di Simon ed è stato bello vedere come entrambe si mescolassero insieme, anche se ammetto ho faticato a seguire con tutti i salti il filo logico di Carry On, ma nonostante ciò l'ho apprezzato. L'unica cosa che mi ha fatto leggermente storcere il naso è stato il finale un po' troppo aperto per i miei gusti ma questo semplicemente perché avrei voluto saperne ancora e ancora senza che la storia finisse mai.
Fangirl è stata una lettura magnifica ed emozionante e penso che proprio tutti dovrebbero affrontarla e crescere insieme a Cath. Essere tra le pagine di questo libro è stato come essere a casa, un po' come mi accade con Hogwarts. Si, avete capito bene, quindi leggetelo.

Il mio consiglio musicaleJulian Perretta - Miracle



Libro, adottami!

Un bacio,
Giò

14 commenti:

  1. Giò che stupenda recensione, mi hai rapita e portata con te! Spero di riuscire a leggere questo libro il prima possibile <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Awww, devi leggerlo assolutamente :3

      Elimina
  2. Recensione stupenda, mi ha riportato a quando lo lessi in lingua originale anni fa *^*

    RispondiElimina
  3. Con questo libro la Rowell ha dimostrato cosa vuol dire scrivere un personaggio in cui è possbile identificarsi che abbia un carattere preciso, e non sia un guscio vuoto. E sappi che mi hai fatto venire voglia di rileggerlo ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo! Rainbow è fantastica, è una bomba *_* e lo rileggerei subito anche io u.u

      Elimina
  4. La trama non mi ispira affatto, eppure tutti e dico tutti hanno adorato questo libro, perciò scelgo di dargli un'opportunità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è uno di quei gioiellini che mi porterò sempre dentro!

      Elimina
  5. Ciao! :) Complimenti per la recensione! :) Sono davvero contenta che questo libro ti sia piaciuto... io l'ho letto parecchio tempo fa ed è uno di quei libri che mi è rimasto nel cuore, quindi sono sempre felice quando scopro che è piaciuto a qualcuno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Siannalyn :3 la penso esattamente come te, infatti qualche giorno fa l'ho consigliato ad una ragazzina in libreria che stava per prendere qualcosa che non meritava al confronto!

      Elimina
  6. Sono felice che ti sia piaciuto *_* io devo ancora leggerlo e mi sa che sono l'unica ahah spero di recuperarlo presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuuuu devi troppo leggerlo awww *_*

      Elimina
  7. Ecco, mi fido, nelle tue recensioni ci sei tu, non ti conosco ma mi sembra di vederti. Bisogna dargli una possibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è uno dei più bei complimenti mi potessi fare Baba, grazie davvero ♥

      Elimina

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥