22 settembre 2016

Recensione "Io prima di te" di Jojo Moyes

Buon pomeriggio!
Questa settimana non vi ho aggiornato sui miei progressi libreschi perché sostanzialmente non ci sono stati, cioè non ho ancora ultimato la lettura che ho in corso nonostante mi stia piacendo parecchio. A mia discolpa devo dire anche che la bronchite e i mal di testa ci hanno messo del loro per rallentarmi e tenermi lontana dal computer. Ho deciso però d'iniziare a recuperare le recensioni in arretrato (che iniziano ad essere parecchie per i miei soliti standard) ma contrariamente ad ogni logica sono partita da quella più fresca con la scusante d'invogliare chi ancora non ha letto questo gioiellino siccome nelle sale cinematografiche viene mandato ancora la trasposizione cinematografica.
Perciò eccomi qui a parlarvi di Io prima di te, un romanzo che vi farà ridere e piangere, un romanzo che ha conquistato milioni di lettori, ideale per chi ha amato P.S. I love you.

Titolo: Io prima di te
Autrice: Jojo Moyes
Editore: Mondadori
Anno: 2013
Pagine: 396
Trama: A ventisei anni, Louisa Clark sa tante cose. Sa esattamente quanti passi ci sono tra la fermata dell'autobus e casa sua. Sa che le piace fare la cameriera in un locale senza troppe pretese nella piccola località turistica dove è nata e da cui non si è mai mossa, e probabilmente, nel profondo del suo cuore, sa anche di non essere davvero innamorata di Patrick, il ragazzo con cui è fidanzata da quasi sette anni. Quello che invece ignora è che sta per perdere il lavoro e che, per la prima volta, tutte le sue certezze saranno messe in discussione. A trentacinque anni, Will Traynor sa che il terribile incidente di cui è rimasto vittima gli ha tolto la voglia di vivere. Sa che niente può più essere come prima, e sa esattamente come porre fine a questa sofferenza. Quello che invece ignora è che Lou sta per irrompere prepotentemente nella sua vita portando con sé un'esplosione di giovinezza, stravaganza e abiti variopinti. E nessuno dei due sa che sta per cambiare l'altro per sempre. "Io prima di te" è la storia di un incontro. L'incontro fra una ragazza che ha scelto di vivere in un mondo piccolo, sicuro, senza sorprese e senza rischi, e un uomo che ha conosciuto il successo, la ricchezza e la felicità, e all'improvviso li ha visti dissolversi, ritrovandosi inchiodato su una sedia a rotelle. Due persone profondamente diverse, che imparano a conoscersi senza però rinunciare a se stesse, insegnando l'una all'altra a mettersi in gioco.
 
«Vivi con coraggio. Vivi bene. Ma Vivi.»

Prima di iniziare a parlarvi della mia esperienza con questo romanzo ci terrei a farvi una premessa perché penso sia la chiave di tutto il mio approccio. Avrei voluto leggere questo libro già anni fa e probabilmente se l'avessi fatto avrei mandato tutti a quel paese dopo averlo terminato per i feel ma soprattutto per le lacrime. Avrei odiato molto di più Will, ne sono certa. Il destino però non ha voluto che andasse così, successe infatti che feci leggere Io prima di te prima a mia zia (la stessa che mi ha spoilerato la fine di Allegiant e Il canto della rivolta) e indovinate come finì? Avete indovinato. Lo leggo nella vostra mente che avete messo insieme tutti gli indizi. Esatto, mi rivelò come finiva e mi consigliò di lasciar perdere per non soffrire come lei. Pur senza averlo letto rimasi sconvolta dalla rivelazione e questo per molto tempo mi fece desistere. Sentivo di amarlo già, mi capita spesso d'instaurare un legame viscerale con un romanzo ancor prima di averlo letto, ma aspettavo il momento giusto, quello in cui sarei stata pronta ad accettare il dolore e le lacrime.
L'incombenza dell'uscita del film ai cinema iniziava a pesare e mi sono detta alla fine "ora o mai più" così mi sono convinta che fosse arrivato davvero il suo momento con me. Con questo non voglio dire di non aver sofferto ma semplicemente ho avuto tutto il tempo di metabolizzare e durante la lettura aspettavo solo il momento perché comunque sapevo sarebbe accaduto. È diverso dal poter sperare fino alla fine. Per me era una certezza e basta.
Ci sono libri capaci di entrarti dentro in un modo speciale appigliandosi al tuo cuore con radici profonde, a me è capitato con Io prima di te di Jojo Moyes tanto da indurmi ad iniziare appena terminato Dopo di te e non ho trovato pace finché non sono riuscita a guardare anche il film e piangere tutte le lacrime che avevo in corpo.
Io prima di te è sì un romanzo che sa farti ridere molto con la sua strana protagonista Louisa Clarke ma prima di tutto è una storia da tanto, che fa riflettere e che ti mette in gioco con i suoi temi delicati. Sicuramente la vocina nella mia testa che mi ricordava che Will sarebbe stato impersonato da Sam Claflin ha aiuto parecchio e tutto è stato più semplice con tanta bellezza messa a disposizione da figurarsi davanti agli occhi ogni qualvolta spuntava il nome di Will.
Il primo impatto con questo romanzo, e non per le premesse fatte, non è stato dei più semplici. Avevo aspettative molto alte, venivo da un periodo in cui faticavo a leggere e avevo paura di rovinarmi una lettura che ero convinta mi sarebbe potuto piacere molto. Il problema più grosso che ho riscontrato è stato che trovavo troppo lento l'inizio e questo comportava che dentro di me non scattava quel qualcosa che mi facesse prendere il libro in mano per esempio nei ritagli di tempo. Per fortuna però sono stata testarda e sono andata avanti perché avrei rischiato di perdermi una splendida storia emozionante. Quindi se qualcuno di voi si trovasse nella stessa situazione vi dico "siate caparbi e andate avanti!". Il punto forte del romanzo è, a mio parere, la protagonista Lou Clarke, una delle migliori protagoniste femminili di cui io abbia mai letto. Ironica e particolare non può non passare inosservata, ma a colpirmi è stato anche il suo carattere che per alcune somiglianze che ho riscontrato con me non poteva non entrarmi nel cuore. Lou è un personaggio credibile e verosimile perché non stereotipata nella perfezione in cui ricadono troppo spesso canoni di protagonisti. Will Traynor, invece, dal canto suo è un personaggio non semplice ma nella sua complessità mi ha coinvolta in pieno, sì va bene ammetto che molto è stato fatto anche da Sam Claflin ma questa tutta un'altra storia. Si contraddistingue per la sua intelligenza e da un caratterino pungente che senza dubbio è stato accentuato dalla sofferenza a cui è abituato. Lo ricorderò per sempre per i suoi insegnamenti sul vivere la vita in ogni suo attimo, abbandonando l'incertezza e seguendo le occasioni per dimostrare ciò che davvero valiamo. Patrick, invece, non mi è piaciuto per niente e ho gioito non poco per la fine che fa. Il rapporto tra Lou e Treena l'ho trovato realistico e per quanto spesso non potevo soffrire Treena, alla fine non l'ho disprezzata perché ho compreso la loro unione speciale. Del resto posso ben comprenderle avendo un rapporto molto profondo con mia sorella, ma chi non ha scontri durante la convivenza? Sono stati i gesti nei momenti più giusti che mi hanno permesso di vedere il suo personaggio con una luce diversa.
Era inevitabile che parte della mia anima rimasse rinchiusa tra quelle pagine, ma questo è ciò che succede quando un libro riesci a viverlo davvero con lacrime e cuore spezzato annesso. Ho apprezzato molto la fluidità e scorrevolezza della scrittura della Moyes che già dopo qualche pagina mi aveva colpita. Ho amato questo libro perché rappresenta davvero ciò che la vita di tutti i giorni può essere, è vero e non artificiale e palesemente una finzione con fronzoli inutili. Rispecchia un mondo vero e in un mondo vero si ha a che fare anche con tematiche forti come il suicidio assistito. Consigliato se siete alla ricerca di una storia dolce, pura ma soprattutto vera.

Il mio consiglio musicale: Ed Sheeran - Photograph


Book to movie


Ho amato molto anche la trasposizione cinematografica di Io prima di te ma soprattutto ho adorato la performance degli attori su tutti quella di Emilia Clarke e di Sam Claflin che ho trovato perfetti e azzeccatissimi per la loro parte. Ciò che mi ha colpito maggiormente è stato vedere come Sam sia riuscito ancora una volta ad assorbire l'essenza del suo personaggio. Nel complesso il film si è rivelato molto carino con il suo soffermarsi maggiormente sulla scia delle commedie e il suo essere divertente, strappandomi più di qualche risata oltre alle immancabili lacrime. Ho apprezzato poi la colonna sonora con i brani scelti e le ambientazioni tipicamente inglesi. Risultato completamente riuscito!

Libro, adottami!
Un bacio,
Giò

13 commenti:

  1. Non ho letto il libro, lo confesso. Il film è carino, ma pensavo meglio, quindi sono convinta che dovrei dare una seconda chance al libro ahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì beh poi son gusti. Io l'ho adorato tantissimo per esempio ma se rifletti sul fatto "solitamente il libro è migliore" io questa chance gliela darei proprio anche se personalmente preferisco sempre prima leggere il libro e poi vedere il film.

      Elimina
  2. Ciao Giò, vedi, questo libro è sui miei scaffali da un sacco di tempo eppure non l'ho ancora letto. Ogni volto: " ma quanto sono scema, sbrigatiiii" . Che poi io adoro la Moyes. Vado ad inginocchiarmi sui ceci e torno! Alla prossima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Baba! Ma infatti, se adori la Moyes poi, sbrigatiiii :D consiglio spassionato :*

      Elimina
  3. Sento parlare un gran bene di questo libro, ma finora gli sono un po' sfuggita ç_ç Devo trovare il momento giusto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, è tutta questione del momento giusto, così come è stato per me!

      Elimina
  4. Ciao Giò, che dire questo libro mi è entrato sotto pelle, dopo averlo chiuso non sono riuscita a leggere altro per un po' perchè ero rimasta fra quelle pagine! E il film... che dire se non che ha completato una storia inimmaginabile. Wow... Io prima di te rende chiaro e palesa tutta la potenza, la magia, l'incantesimo di cui i libri con la L maiuscola sono capaci! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Succede spesso anche a me quando leggo qualcosa di indimenticabile!

      Elimina
  5. Ciao! Leggendo questa tua recensione mi ritrovo in ogni tua parola, compreso la zia che spoilera i finali :P Questo è un libro che difficilmente si dimentica, nonostante lo abbia letto qualche tempo fa quando ci ripenso mi vengono i brividi, e il film è stato la ciliegina sulla torta. Inoltre adoro la canzone Photograph *_*
    Ps mi sono aggiunta ai tuoi lettori fissi :-)
    Lucia
    https://lamiacaoticalibreria.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che non sono la sola con la zia spoiler XD

      Elimina
    2. No no purtroppo ci sono anche io tra questi ahahah

      Elimina
  6. Ciao Gio. :)
    Ho deciso che questo sarà uno di quei libri che non leggerò mai e di cui non vedrò mai il film *divieto categorico* non voglio piangere e so che lo farò e che ci starà male per mesi e mesi e mesi e mesi e mesi e per tutta la mia vita. Lo so, è una motivazione stupida - ahahah - ma al momento sento che voglio starne lontana. Magari un giorno cambierò idea. (Anche se già so come finisce GRAZIE SPOILERATORI GRAZIE DAVVERO.)
    A parte gli scherzi. Al momento non so se lo leggerò, però quel "ideale per chi ha amato P.S. I love you" mi mette ancora più in dubbio: a me non è piaciuto. ewè
    Ti lascio alle prese con il mio commento nosense!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, io sono sicura che questo ti piacerebbe! Anche io la pensavo come te ma penso che me ne sarei pentita alla grande se non l'avessi letto! Quindi prenditi il tuo tempo e pensaci...adoro i tuoi commenti nosense XD

      Elimina

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥