26 febbraio 2016

Recensione "Life and Death" di Stephenie Meyer

Buon pomeriggio bellissimi!
Mi scuso, di nuovo, per aver lasciato deserto il blog ma ammetto di essermi trovata in un momento come svuotata e non avevo lo stimolo giusto per sedermi e scrivere, che poi è stato lo stesso che è successo con la lettura. A Febbraio non ho ancora terminato un romanzo e ormai siamo quasi alla fine. Forse ci sono state troppe pubblicazioni interessanti tutte insieme, ho iniziato troppi libri insieme e questo in qualche modo ha scatenato dentro un'ansia che in qualche modo mi ha bloccato. Ci sono stati gli esami, Sanremo, il disco nuovo di un'artista del cuore e sicuramente sono tutte cose che in qualche modo mi hanno allontanato momentaneamente, ma sono di nuovo qui perché è questo il mio posto. Tutta questa premessa non c'entra nulla con il libro che voglio recensirvi oggi, ma ci stava e ve la dovevo perché in qualche modo questo angolino è diventato anche vostro. 
Il libro di cui vi parlo oggi è Life and Death di Stephenie Meyer pubblicato recentemente dalla casa editrice Fazi in occasione del decimo anniversario di Twilight

Titolo: Life and Death, Twilight Reimagined
Data di pubblicazione: 14 Gennaio 2016
Autrice: Stephenie Meyer
Editore: Fazi/ LainYa
Prezzo: 15,00 €
Pagine: 859
Trama: Nello stato di Washington c’è la cittadina più piovosa d’America. La conoscono bene Edward Cullen e Bella Swan, i protagonisti di Twilight. Lei, dolce ragazza qualunque; lui, giovane misterioso con un segreto inconfessabile. La loro storia d’amore ha conquistato i cuori di tutti. Ma cosa succederebbe se i ruoli si ribaltassero? Se non fosse lui la creatura straordinaria, l’eroe meraviglioso dotato di capacità sovrumane ma… lei? Beaufort è un ragazzo alto e dinoccolato trasferitosi dall’Arizona. Quando incontra la bellissima Edythe, non sa che la fortissima attrazione che prova per lei potrebbe essere la sua rovina… Profondamente seducente e intriso di una suspense straordinaria, Twilight è diventato un classico moderno, ridefinendo i generi all'interno della letteratura young adult e dando vita a un vero e proprio fenomeno di culto.
 
In passato amavo rileggere i libri che conservavo nel cuore, lo facevo spesso e questo mi piaceva. Sicuramente, eccezion fatta per Harry Potter che ha il primato assoluto, tra quelli che hanno ricevuto più mie letture ci sono quelli della saga di Twilight e non mi vergogno a dirlo perché, in qualche modo, hanno fatto parte di me. Non ho mai rinnegato quel periodo né l'ho tenuto segreto a voi. Da quando ho aperto il blog i miei gusti sono cambiati, ho subito una contaminazione e ho aperto molto i miei orizzonti, questo senza dubbio ha influito molto sul non riuscire più a fare alcune riletture. Quando ho scoperto che sarebbe uscito Life and Death, in occasione del decimo anniversario di Twilight, di Stephenie Meyer ho avuto dentro di me emozioni contrastanti. Non sapevo quanto davvero desiderassi tornare a Forks e questo perché probabilmente avevo paura di rovinarmi il ricordo che conservavo, proprio perché in parte i miei gusti sono cambiati e con il tempo ho ridimensionato il sentimento che mi legava alla saga. Alla fine, però, mi sono convinta.
L'autrice ha voluto regalare questo volume ai suoi lettori per l'occasione creando una versione reimmaginata di Twilight a sessi inversi. Questo volume non è però il Midnight Sun che molti aspettavano, né una serie nuova (la sottoscritta era molto curiosa di leggere qualcosa di una futura Renesmee, tanto che un tempo leggeva fanfiction) ma una vera e propria riscrittura della storia di Twilight autoconclusiva. In Twilight non troviamo Edward e Bella ma Edythe e Beau, che devo ammettere per certi versi ho anche preferito. Il motivo che l'ha spinta a fare questa scelta è semplice: dare delle dimostrazioni sul personaggio di Bella Swan che è sempre stato molto criticato perché considerato debole, mentre lei ha voluto focalizzare la debolezza sul suo lato "umano".
Non posso negare che, almeno in un primo momento, ho fatto difficoltà ad entrare in sintonia con questa nuova storia nonostante la base sia sempre la stessa ad eccezion del finale, su cui però non vi dirò nulla se non che probabilmente è quello più sensato che potesse esserci e che forse ho preferito tranne che per qualche dettaglio che sono sicura comprenderete con la lettura. Le difficoltà che ho trovato sono state tutte per il cambiamento di sessi e il desiderio di riuscire a collegare sempre con la prima esperienza di lettura con Twilight. Non è stato facile ricordare tutti questi nomi e poi ho trovato strano in alcune parti Beau, come se fosse "poco uomo" o almeno difficile da immaginare. Ho apprezzato moltissimo invece Edythe che ho trovato molto più centrata e anche più simpatica, ho adorato poi Archie e forse una parte di me era già influenzata dall'adorazione del personaggio di Alice.
Come vi dicevo lo scenario è sempre quello così come i luoghi descritti, nella piovosa Forks arriva infatti l'impacciato Beaufort Swan, che noi conosceremo meglio semplicemente come Beau. Un ragazzo con tendenze alquanto ossessivo-compulsive, che non sopporta tutte le attenzioni concentrate su di sè almeno che ciò non accada da parte dei Cullen che sono riusciti a colpire con il loro fascino anche il nuovo arrivato. In particolare l'attenzione di Beau ricade su Edythe che incontra la prima volta alla lezione di Biologia.
Alla fine tornare a Forks, per me, è stato piacevole, è stato un pochino come tornare nel passato e ritrovare una parte di me, la me stessa di dieci anni fa che sognava un Edward. Penso che la cosa giusta da fare, se si vuole approcciare a questa lettura, è prendere il libro per quel che è veramente, una riscrittura in una nuova veste di una storia conosciuta. Come detto, ho apprezzato davvero il finale scelto per Life and Death e non nego l'avrei voluto per Bella ed Edward perché lo reputo più realistico, azzeccato ma soprattutto coerente con la storia. Se siete curiosi e vi ispira l'idea di tornare tra le pagine di una storia che avete amato in passato date una possibilità con la consapevolezza di prendere il romanzo per ciò che è. Attenzione al finale! Senza dubbio questa non sarà la mia migliore recensione ma non è semplice parlarvi di un libro come Life and Death, spero comunque di avervi fatto comprendere ciò che ho pensato e provato.

Il mio consiglio musicale: Christina Perry - A Thousand Years




Libro piacevole


Spero possiate apprezzare questa recensione per quel che è. Voi l'avete letto?
Un bacio,
Giò

14 commenti:

  1. Ho amato Twilight, ma ancora non ho trovato il tempo di leggere Life and Death xD Come te ho anche adorato Alice, e spero che per Archie sia lo stesso! Bellissima recensione, comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero :3 oh, penso che adorerai Archie *w*

      Elimina
  2. Ciao Gio! Bellissima recensione <3 Anch'io la penso come te, bisogna prendere questa storia con il giusto stato d'animo e pensarla un po' come una ff. Ho apprezzato molto il finale, mi sono sempre chiesta cosa sarebbe successo in Twilight e sono contenta di averlo letto qui =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta ti sia piaciuta :3 sì, il finale ha dato un pochino di senso anche alle critiche sui seguiti!

      Elimina
  3. Molto bella questa recensione. Vorrei leggerlo e devo dire che mi sei stata di grande aiuto per decidere ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ophelie :3 felice di esserti stata utile!

      Elimina
  4. Wow! Sempre più curiosa... Voglio tornare anche io a Forks e sono curiosissima di scoprire questo "famoso" finale di cui tutti parlano!
    Spero di riuscire a leggerlo presto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anche perché il finale è la parte davvero innovativa, spero ti possa piacere :D

      Elimina
  5. Oddio éwé io pensavo che anche il finale fosse uguale a Twilight. Insomma, che fosse Twilight in tutto e per tutto se non per l'inversione dei personaggi XD ora mi hai messo la pulce nell'orecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E no, sono diversi XD se ti senti coraggiosa magari prova a dare un'occhiata!

      Elimina
  6. L'ho letto e non mi è piaciuto particolarmente. Il finale non è male. Il fatto è che non riuscivo a staccarmi dalla testa l'idea che Bella è una ragazza quindi ho trovato difficile restare concentrata. Diciamo che avrei preferito che scrivesse un'altra storia, è un po' che non lo fa ma a me L'ospite era piaciuto molto. Quindi chissà se prima o poi scriverà altro.

    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisa! Quello che dici è vero, anche io ho fatto fatica con il cambiamento dei personaggi ma alla fine li ho presi esattamente per ciò che erano: Beau ed Edythe :) penso fosse la chiave migliore. L'ospite era piaciuto molto anche a me, vorrei sempre trovare il tempo di rileggerlo ma non ci sono riuscita ancora. Magari una sera di queste potrei recuperare almeno il film ;)

      Elimina
  7. Life and Death è stato un piacevolissimo ritorno a Forks (devo dire che sentivo un pò la mancanza!!!) Come ve la siete immaginata Edythe? io per tutta la lettura ho associato Edythe ad Alice, non so perchè.

    Ottima recensione comunque :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, effettivamente ho fatto spesso anche io questa associazione durante la lettura!

      Elimina

Grazie per i vostri commenti, li apprezzo tantissimo, sono fonte di gioia e soddisfazione per me! Non appena possibile, risponderò a tutti e passerò a dare un'occhiata ai vostri blog :) Mi raccomando, stay tuned! A presto, Giò ♥