10 novembre 2017

[Blogtour] La sfolgorante luce di due stelle rosse di Davide Morosinotto | Quinta tappa: Le tematiche


Buongiorno!
Oggi ho il piacere di ospitare sulla quinta tappa del Blogtour dedicato a La sfolgorante luce di due stelle rosse di Davide Morosinotto. In questo periodo, non sono bene perché, si è risvegliata in me la voglia di leggere questo tipo di storie e certo non potevo farmi scappare l'occasione di prendere parte a questa iniziativa. 

Titolo: La sfolgorante luce di due stelle rosse
Data di pubblicazione: 31 ottobre 2017
Autrice: Davide Morosinotto
Editore: Mondadori
Prezzo: 17 €
Pagine: 432
Acquista qui
Trama: Leningrado, 1941. I gemelli Viktor e Nadya hanno dodici anni quando la Germania di Hitler dichiara guerra all'Unione Sovietica. Nel giro di pochi giorni tutti i bambini della città vengono caricati su treni speciali che li portano in salvo dall'avanzata nemica. Per un errore, però, Viktor e Nadya finiscono su treni diversi e perdono le tracce l'uno dell'altra. Entrambi cominciano a scrivere su dei quaderni quello che accade loro mentre il nemico avanza: il gelido inverno, la carestia, la disperazione di un popolo prostrato dalla fame e dalle bombe; ma anche il calore dell'amicizia e la forza della speranza. Mentre Nadya si trova a difendere con ogni mezzo una postazione chiave per la Resistenza sovietica, Viktor attraversa a piedi la sconfinata terra russa, affrontando ogni sorta di pericolo per portare a termine la sua missione. In una Leningrado cinta da un assedio che durerà quasi novecento giorni, la Grande Storia si intreccia con quella di Nadya e Viktor, decisi a ritrovarsi a ogni costo e a salvare la loro città.

Le Tematiche

Molte sono le letture che si possono affrontare in tema Shoah e Seconda guerra mondiale. Il romanzo di Morosinotto, La sfolgorante luce di due stelle rosse, è un esempio lampante di libro a tema adatto anche ai più piccoli per tramandare l'importanza di non dimenticare. I due gemelli protagonisti, Viktor e Nadya, utilizzano infatti i diari come strumento di memoria dove annotano le loro vicende dopo la partenza da Leningrado e la loro separazione a seguito della dichiarazione di guerra della Germania all'Unione Sovietica
Viktor nel diario con il suo lapis rosso annota il discorso pronunciato in radio da Molotov per annunciare al popolo dell'Unione Sovietica l'attacco da parte delle truppe tedesche nei loro confronti. In quello stesso discorso viene ricordato l'anniversario della vittoria su Napoleone per infondere speranza nel popolo e fiducia nel partito bolscevico. Una delle tematiche importanti di questo romanzo è proprio incentrato sul partito comunista a cui Viktor tiene molto e di cui si ritiene un modello esemplare. Ho trovato davvero interessante e utile come qua e là vengano fatti riferimenti a momenti storici importanti come la Rivoluzione russa con il Palazzo d'Inverno, un tempo residenza dello zar, oppure il patto di non aggressione Molotov-Ribbentrop tra Unione Sovietica e Germania o ancora la riduzione in schiavitù di numerosissimi stati e popolazioni secondo gli ideali di Hitler con il lebensraum e la superiorità della razza ariana. Sono tutte tematiche importanti che possono far apprezzare e amare la storia attraverso la lettura di un romanzo per ragazzi che forse può arrivare a colpire più direttamente l'interesse dei giovani. 
Nonostante io solitamente non ami troppo i romanzi epistolari, ho trovato azzeccata questa scelta per entrare maggiormente in contatto con le vicende e i pensieri di Viktor e Nadya, così come ho trovato interessanti le annotazioni del partito e tutte le foto che arricchivano la storia. 
Ormai credo che avrete capito come si presenta il romanzo e come le tematiche della Seconda guerra mondiale vengano affrontate da Morosinotto. Non vi dirò altro per non svelare troppo. Spero di avervi incuriosito.

Vi lascio le tappe dei miei colleghi se ve le foste perse: Emozioni di una musa - Tararabundidee - La fenice book - Everpop 

Avete mai letto niente di simile? 
A presto,
Giò

15 ottobre 2017

Recensione "Un cattivo ragazzo come te" di Huntley Fitzpatrick


Buon pomeriggio bellissimi,
finalmente sono riuscita a trovare qualche oretta per terminare questa recensione che avevo iniziato da un po', dopo essere tornata da Londra. Dopo l'ultimo post che vi ho scritto le cose sono peggiorate ulteriormente, ed io che credevo di aver trovato uno spiraglio di tranquillità per poter tornare ad essere attiva qui sul blog. Non mi sono persa d'animo però, anzi i vostri commenti mi sono stati di enorme aiuto. Tengo troppo a Walks with Gio per abbandonarlo così, nonostante tutte le difficoltà che ci possono essere. Dopo aver saputo dell'uscita di Un cattivo ragazzo come te, companion novel di Quello che c'è tra di noi, che come sapete ho aspettato anni, non potevo non fiondarmici a capofitto e a distanza di mesi ecco la mia recensione.

Titolo: Un cattivo ragazzo come te (My life next door #2)
Data di pubblicazione: 11 luglio 2017
Autrice: Huntley Fitzpatrick
Editore: DeA Planeta Libri
Prezzo: 14,90 €
Pagine: 448
Trama: L’ultima cosa di cui una maniaca del controllo come Alice Garrett ha bisogno è un tipo come Tim Mason. Tim che è il migliore amico di suo fratello minore. Tim che attira i guai come una calamita. Tim che fiuta l’alcol anche bendato. Ma si sa, le cose non vanno sempre come si vorrebbe. Così, quando Tim si trasferisce nell’appartamento sopra il garage dei Garrett, Alice comincia a conoscerlo meglio. E capisce che dietro quella maschera da bad boy si nasconde un ragazzo che, dopo aver toccato il fondo, è pronto a tutto pur di cambiare. Anche a prendersi finalmente la responsabilità per il guaio che ha combinato un anno prima. Un guaio che Tim non ricorda nemmeno ma le cui conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. Qualcosa di così scomodo che potrebbe mettere fine alla storia con Alice ancora prima che abbia inizio. Un romanzo intenso e dolcissimo: Huntley Fitzpatrick ci riporta nel mondo di Quello che c’è tra noi per raccontarci l’importanza delle seconde occasioni e del primo amore.
La DeAgostini non poteva farmi regalo più gradito per il mio compleanno. Immaginate la mia faccia nel scoprire che a distanza di due giorni dal mio compleanno appunto sarebbe stato pubblicato un libro che aspettavo da anni. Morivo dalla voglia d'incontrare nuovamente i Garrett, ma soprattutto ero felicissima di poter conoscere meglio Tim. Aggiungeteci, se volete, che i romanzi contemporary della categoria young adult, quelli belli belli per davvero, riescono sempre a sbloccarmi nei momenti in cui mi ritrovo incatenata nel circolo vizioso del blocco del lettore, e il gioco è fatto. Dovevo assolutamente leggere Un cattivo ragazzo come te di Huntley Fitzpatrick, non potevo farmi sfuggire l'occasione per vivere ancora emozioni vere e pulsanti. D'altronde non sono le vere emozioni a rendere unico e indimenticabile un viaggio? Il mix ottenuto è uno di quelli vincenti, di quelli che ti cattura e ti culla tra le sue pagine anche perché nelle imperfezioni, come con Tim, si può trovare qualcosa di perfetto per noi e la vita vera è fatta di imperfezioni. Ecco perché ho apprezzato davvero questo libro, profuma di vita vera.

4 ottobre 2017

Ecco perché sono sparita!

Buon pomeriggio lettori, come state?
È passato un secolo ormai dall'ultima volta che ho avuto l'occasione di sedermi al computer per scrivere qui sul blog. So che vi avevo promesso di tornare più attiva dopo la mia vacanza a Londra ma non ci sono riuscita ancora. Questa volta i blocchi del lettore non c'entrano per nulla. Fortunatamente sto riuscendo a leggere con regolarità, anche se molto lentamente devo ammettere. La verità è che arriva la sera e crollo dalla stanchezza quasi appena tocco il cuscino, infatti non sapete quante volte rischio di beccarmi il Kindle in piena faccia. Non avrei voluto che fosse questo il primo post dopo il rientro, vi avevo promesso delle recensioni e c'è stato anche il Blogaversary che è saltato di conseguenza ma appena tornata da Londra sono stata risucchiata completamente dal trasloco nella nuova casa (che non è ancora ultimato) di cui non avevo ancora avuto modo di parlarvi. Tra scartoffie e ricerca per i nuovi mobili mi sono ritrovata praticamente sempre in giro. 
E poi per non farci mancare proprio nulla ho il mio nonnino nuovamente ricoverato, questa è la seconda volta in tre mesi e potete capire che tra tutte le cose messe insieme anche volendo (e lo volevo davvero tanto) riuscire a scrivere post non campati in aria era/è praticamente impossibile. Spero che le cose si sistemino in fretta però in modo da poter riprendere il ritmo e recuperare il tempo perso, anche perché delle idee nuove che mi frullavano da un po' di mesi le avevo. Per esempio mi sarebbe piaciuto molto farvi vedere in breve quello che è stato il mio viaggio a Londra con le clip video che ho provato a girare. L'unico posto in cui chi mi segue mi avrà visto un po' più attiva è Instagram ma anche lì nelle ultime due settimane ho rallentato con le pubblicazioni. 
Tra poco sarà già ora di iniziare effettivamente a fare pacchi su pacchi per il trasferimento vero e proprio e già mi prende male all'idea di dover smantellare tutto soprattutto se penso che ho libri praticamente in ogni dove ora. Questo, però, non mi ha impedito di meditare e progettare già le prossime vacanze di cui però è ancora troppo presto per parlarvi. Riguardo alle letture vi posso dire che in questo periodo travagliato ho letto e apprezzato Un cattivo ragazzo come te e Wolf. Ora sono alle prese con Wolf 2 e il mio hype è alle stelle nonostante lo stia leggendo a rilento. Mi ero anche dimenticata di aggiornarvi sulle mie odissee universitarie: a Luglio, alla fine, sono riuscita a passare solamente uno dei due esami che ho dato. Ora sono a quota -3 ma in questo momento sono praticamente in pausa per via di uno sciopero e per tutto quello di cui già vi ho parlato. Speriamo di riuscire a finire presto, dovrei anche pensare alla tesi (l'argomento ce l'ho già, ne avevo anche parlato con un professore) ma in questo momento rischierei di impazzire ulteriormente.
Tutto questo per dirvi che non sono sparita, Walks with Gio non è chiuso e tornerà più forte di prima, sempre che voi abbiate ancora la voglia di leggermi. Spero che la sincerità di questo post possa farvi piacere, io ci tenevo davvero a farvi sapere che ci sono sempre.
Scusatemi per il papiro, ma penso fosse doveroso.
A presto,
Giò

5 luglio 2017

WWW Wednesdays #56 + Giveaway Un cattivo ragazzo come te


Buon pomeriggio a tutti :)
Come state? Colgo l'occasione di postare il WWW Wednesdays, la rubrica dedicata alla mia settimana libresca, per fare due chiacchiere con voi. Una delle ultime volte vi avevo detto che c'era un blocco del lettore ad affliggermi. Ora sembra tutto passato, sto riuscendo a leggere con molta più continuità. Immagino vi starete chiedendo come mai allora io posti così poco sul blog. Avete ragione. Il fatto è che sto cercando di impegnarmi con l'università, mi mancano solamente quattro esami e vorrei concludere il prima possibile siccome la sto portando per le lunghe già da troppo tempo e questo mi porta non pochi sensi di colpa. Ora sto preparando degli esami, che spero veramente di riuscire a passare per togliermi questo peso. Dopo che avrò dato gli esami di questa sessione avrò un po' di tempo da poter dedicare al blog prima di partire per un nuovo viaggio alla volta di Londra. Spero così di riuscire a recuperare le recensioni che ho in arretrato.

What are you currently reading? 
(Cosa stai leggendo?)


In questo momento ho in lettura due romanzi, uno per l'università ed è Il risveglio di Kate Chopin e uno per me, Tredici di Jay Asher che ero stata costretta a mettere in pausa per delle precedenze. Un po' di mesi fa ho visto, con mia sorella, la serie tv e l'ho amata. Non potevo proprio non dare una possibilità al romanzo. E mi sta piacendo.

What did you recently finish reading? 
(Cos'hai appena finito di leggere?)

 

L'ultimo romanzo che ho terminato è stato L'ultima notte al mondo di Barbara Marconero, con prequel compreso, Ed ero contentissimo, e come saprete se avete letto la recensione ho adorato questo romanzo e mi sono affezionata un sacco al personaggio di Marco, già mi manca. Poi ho terminato anche La collina delle farfalle di Barbara Kingsolver proprio per uno degli esami e devo ammettere che non mi è dispiaciuta come lettura. Forse l'ho trovata un po' lunga e lenta a volte ma ho apprezzato, forse più di tutto è stato piacevole leggere un romanzo diverso dai miei standard che sicuramente non avrei letto se non ne fossi stata costretta.

What do you think you'll read next? 
(Cosa leggerai in seguito?)


Sicuramente il prossimo romanzo che leggerò sarà Un cattivo ragazzo come te di Huntley Fitzpatrick, anzi vi dirò di più, lo inizierò già questa sera in anteprima. Non so se ne avete sentito parlare ma è una prossima uscita della DeAgostini, ed è il romanzo companion di Quello che c'è tra noi che a suo tempo avevo adorato davvero molto. Qui la recensione. Quando ho scoperto che sarebbe uscito ero davvero molto felice e siccome tra poco più di una settimana sarà il mio compleanno ho deciso di regalarvene una copia. Siete contenti? Questa volta le modalità di partecipazione al giveaway saranno un pochino diverse, ma spero avrete voglia di partecipare lo stesso perché una copia di Un cattivo ragazzo come te cerca casa e non possiamo certo lasciarlo solo soletto. Il tutto si svolgerà su Instagram, uno dei social che più preferisco, ma sarei davvero felice se continuaste a seguire, o se inizierete a farlo, anche il blog sostenendolo con commenti e condivisioni.


Regole:

1. Repostate questa foto con l'hashtag #WalkswithGioGivesBook
2. Seguitemi su Instagram @walkswithgio e seguite @deaplanetalibri
3. Mettere mi piace alla foto

Il giveaway sarà attivo fino al 14 Luglio alle 23, restate sintonizzati ;)

Fatemi sapere con un commento cosa pensate di queste letture e quali saranno le vostre!

Un bacio,
Giò

29 giugno 2017

Recensione "L'ultima notte al mondo" di Bianca Marconero


Buongiorno lettori!
Con le altre blogger abbiamo deciso di chiudere il Blogtour dedicato a L'ultima notte al mondo, in uscita proprio oggi per la Newton Compton Editori, con un review party per darvi la nostra opinione sul libro dopo la lettura in anteprima. Vi ricordo quindi che siete ancora in tempo a partecipare al giveaway organizzato per l'evento tentando la fortuna per vincere una copia cartacea del romanzo e un biglietto per il concerto di Tiziano Ferro (La mia tappa).

Titolo: L'ultima notte al mondo
Autrice: Bianca Marconero
Casa editrice: Newton Compton
Data d'uscita: 29 giugno 2017
Pagine: 350
Prezzo: €5,90 (ebook €3,99)
Trama: Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro dove potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…
“Lei è la ragione per cui crederò sempre alle canzoni”


Quando ho scoperto che Bianca Marconero aveva scritto un nuovo romanzo dentro di me ho sentito una voce che mi sussurrava "quel libro deve essere tuo" e immediatamente ho capito che l'avrei amato. Non vi dico poi lo stupore dopo aver appreso che avrei avuto un altro suo Marco da amare. Perché è inevitabile, i Marco della Marconero hanno un fascino speciale su di me e sanno come farsi amare. È toccato prima a Marco Cinquedraghi e ora con il Bertani. Ed è stato proprio con Cinquedraghi ed Albion, la sua saga fantasy, che io ho imparato ad amare la scrittura di Bianca Marconero e ormai è una garanzia, una bella penna italiana tutta da apprezzare. Anche in questo caso non sono rimasta delusa dalla sua prosa, anzi ancor di più colpita. Non che ci fossero dubbi, poi con Tiziano Ferro e la sua musica di mezzo il botto era assicurato.